Youtube: pagare per popolarità. Conviene?

pubblicato in: Youtube & Twitch | 0

Pagare per popolarità non conviene

Con l’aumentare esponenziale della popolarità di Youtube, sempre più persone sono intenzionate a lanciarsi su questa piattaforma in cerca di popolarità e magari anche di una possibile carriera.

La piattaforma in sé non aiuta molto i nuovi creatori di contenuti a crearsi la propria popolarità e spesso ci si trova in difficoltà, se non addirittura scoraggiati, quando ci si impegna per un video e non si ottiene la visibilità sperata.
Perciò si tende a cercare soluzioni più semplici, sperando siano i più efficaci, tipo quello di spammare il proprio canale nei video altrui, chiedere l’iscrizione in cambio di iscrizione o persino pagare di tasca propria per avere visualizzazioni fittizie o pagare una associazione che promette popolarità.

 

Ma ciò può davvero portare a delle views in più e maggiore popolarità?

Per quanto riguarda il fatidico “iscritto ricambi”, Yotobi ha dimostrato che stranamente è una pratica che potrebbe portare ad un lieve incremento di visualizzazioni, tuttavia i video non otterranno la dovuta attenzione (soprattutto se sono di scarsa qualità).

E pagare per ottenere delle views, può portare alla popolarità e al successo ambito?
No. Ed è uno spreco di soldi.

Utilizzare, per esempio, un bot che aumenti le visualizzazioni o le iscrizioni ad un canale non aumenta in alcun modo la qualità dei vostri video.
L’utenza umana (e non computerizzata) non è interessata a dei video solo perché hanno 2’000 visualizzazioni e non si iscrive solo perché legge 10’000 iscritti.
Un utente, che abbia un quoziente intellettivo superiore a quello di una sedia, in genere si iscrive al canale quando vede che i contenuti presenti sono interessanti.

Dopotutto, ti sei mai iscritto ad un canale SOLO perché c’erano tanti iscritti? E se sì, hai mai visto più di un suo video? Ti ricordi ancora il nome di quel canale?
Senza considerare che si tratta comunque di una pratica piuttosto degradante e non c’è alcuna soddisfazione nel vedere un alto numero di visualizzazioni sapendo che il 95% sono completamente fasulle.

 

E le associazioni che promettono popolarità in cambio di un pagamento mensile/annuale?

Principalmente sono associazioni truffaldine, il cui loro principale scopo è illudere e lucrare alle spalle dei propri associati.

Innanzitutto, ci sono metodi completamente gratuiti che permettono di ottenere ottima visibilità su Youtube (ne discuteremo in un articolo prossimamente).
Inoltre, da un’attenta analisi, si può dedurre che gli youtuber (ed eventuali streamer) che si sono già associati precedentemente, non hanno ottenuto alcun tipo di incremento di popolarità significativo.

Per vendervi la loro “popolarità” in genere vi mostrano dei loro youtuber/streamer con buoni numeri, ma con dei commenti piuttosto singolari, tutti positivi e assenti di eventuali troll che in genere sono immancabili in qualsiasi canale che sia vagamente popolare.
Ciò fa pensare che quelle stesse visualizzazioni e iscrizioni siano state create tramite dei bot con commenti creati ad hoc.

Queste associazioni, oltre ad intascarsi i soldi, ci guadagnano anche in notorietà: sono gli youtuber (e streamer) stessi la loro principale fonte di popolarità!

Esistono dei network e delle realtà come “Tom’s Hardware” che permettono di ottenere la partnership GRATUITA e sono persino disposti a sponsorizzarvi e a finanziarvi.
Bastano anche 100 iscritti se si è in grado di dimostrare di avere talento e di essere molto motivati.

 

E pagare per avere una formazione e grafiche?

Youtube pullula di video da parte di youtuber professionisti che insegnano e danno delle preziosissime dritte su come avere successo.
Noi di RedWolves stessi prossimamente pubblicheremo un articolo su come diventare popolari su Youtube/Twitch. Completamente in modo gratuito.

Le grafiche, se non le si sa fare, si pagano, ed è giusto così. Un buon logo da qualcuno che li sappia fare (non per forza a livello professionale) può costare solo 5€ fino ad un massimo di 20€.
Per una buona Intro, all’inizio della propria carriera da video-maker, può bastare una delle molteplici intro disponibili online completamente gratis e personalizzabili.

Inoltre, a logo e grafiche pagate, non avrete alcun tipo di impegno o vincolo.

 

In conclusione, sconsiglio a chiunque di pagare qualcuno che vi promette popolarità, in quanto voi rimarreste a bocca asciutta, sfruttati e persino truffati.
Avreste solo ed esclusivamente dato popolarità e denaro a qualcuno che vi vede solo come polli da spennare.

Segui Corandevus:

Amministratore RedWolves.it

Mi chiamo Lorenzo, ho 23 anni, studio ingegneria e nel tempo libero (quando ne ho) mi dedico attivamente al mantenimento di questo progetto. Ho iniziato a bazzicare nel mondo del gaming online ormai più di 12 anni fa, amministrando da prima gilde negli mmorpg, poi community più grandi con server dedicati a carico, fino a gestire importanti multigaming toccando con mano il mondo dell'e-sport italiano.

Lascia una risposta